Gallerie Fotografiche

Stanno rovinando tutto

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

 

 

Con l'introduzione negli allevamenti di Diamanti Mandarino provenienti da allevatori inglesi, dove selezionano principalmente la forma particolarmente rotonda dei soggetti, ottenuta in pratica dalla struttura del piumaggio a scapito di colore e intensità.

 

STANNO ROVINANDO TUTTO !!!


Terminato il mondiale di Bari, si può dire stagione mostre 2013 conclusa, aspettavo il mondiale perché volevo vedere quanti Diamanti Mandarino con caratteristiche fenotipiche della forma tipicamente inglese erano esposti per fare un bilancio, solamente un paio di soggetti che personalmente ho giudicato attribuendo valutazioni scarse, causa piumaggio che ha compromesso disegni e colori.

Dal viaggio fatto ai primi di ottobre in Germania, Belgio e Olanda presso affermati allevatori e sopratutto dalla visita alla manifestazione numero uno al mondo dedicata al Diamante Mandarino "Veenendaal 2013", rispetto al alcuni anni precedenti, i soggetti presso gli allevatori e il numero dei soggetti esposti con caratteristiche fenotipiche inglesi erano di parecchie decine aumentati.

Alcuni allevatori hanno radicalmente modificato le caratteristiche fenotipiche dell'intero allevamento, presso uno di essi ho avuto la possibilità di toccare con mano questi soggetti e sono rimasto sbalordito perché non c' è struttura ma solo piuma.

La cosa che però non condivido è che permettano a questi soggetti di essere premiati, mi sembra che lo standard del club olandese sulla forma descriva altre caratteristiche, perché alcuni Giudici penalizzano soggetti con queste caratteristiche e altri non ne tengono in considerazione premiandoli, anche perché il giudizio a Veenendaal viene eseguito a gruppi di due o più frequente di tre Giudici, può essere che ci siano dei Giudici che appezzino questi Mandarino ma che un intero gruppo di una Giuria la pensino allo stesso modo mi sembra strano.

Nessuno vieta di utilizzare questo tipo di D. Mandarino per migliorare la forma, ma non si devono assolutamente premiare dei soggetti con evidenti caratteristiche intermedie.

Ricordo nei lontani primi anni ottanta che anche nel canarino di colore era stato utilizzato il canarino di forma e posizione Border per migliorare la taglia e la forma, però i soggetti esposti che presentavano chiare caratteristiche della razza inglese venivano penalizzati.

A questo punto è assolutamente doveroso affrontare il problema sulla forma del Diamante Mandarino.

Descrivo alcuni aspetti più appariscenti della forma e del piumaggio che, a mio parere non possono essere tollerati:

Becco piccolo rispetto alla testa, sappiamo che il becco piccolo fa risaltare la testa, e la sua forma deve assomigliare a un triangolo equilatero per formare una linea continua con la fronte e non creare uno "stop" accentuato come in certe razze canine, tra il naso e la fronte.

La presenza di ciliari come in certe razze di canarini inglesi che rimpiccioliscono la dimensione degli occhi.

La linea della forma che va dalla gola al sottocoda che è talmente rotonda che il piumaggio tocca il posatoio.

Il piumaggio abbondantissimo dei fianchi e della zona anale che sbruffano a più non posso, con le conseguenze per il disegno e colore.

La situazione è molto preoccupante.

Bisogna fare qualcosa, gli organizzatori di esposizioni e gli enti tecnici devono al più presto introdurre una serie di categorie nuove per tenere separato i due tipi di Diamante Mandarino e studiare uno standard per una linea di forma e posizione.

Capisco l'astuzia degli allevatori Olandesi, Belgi e Tedeschi che ne hanno fatto sopratutto un discorso commerciale, capisco anche che tutto questo tiene vivo il settore Diamante Mandarino che da alcuni anni non riesce a dare nuove mutazioni appariscenti che appassionino gli allevatori.

Nella esposizione 2013 di Veenendaal sono stati esposti quindici soggetti in una categoria sperimentale che riguarda la forma e posizione (Fysieke zebravink), sono stati attribuiti i premi tre migliori soggetti, non so a riferimento di quale standard, comunque è molto importante che qualcosa si sta muovendo, prima che la selezione sia totalmente condizionata da "questi" giudizi che stanno seguendo caratteristiche fenotipiche, molto diverse da quelle richieste dagli standard.

Manuele Piccinini