Gallerie Fotografiche

Incontro Tecnico Reggio Emilia 8 giugno 2014

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

Pensieri e considerazioni sulla riunione di Reggio Emilia dell' 8 giugno 2014

 

La riunione di maggio-giugno è forse l’unico avvenimento che il Club Zebravinken chiama a raccolta i propri Soci e devo dire che per la annate precedenti la risposta del Soci è stata soddisfacente. Mentre la partecipazione vista domenica è stata alquanto “scarsa”, se ben ricordo 15 erano i Soci presenti.

 

 

Potrei consolarmi affidandomi al detto “ Pochi ma buoni”, mentre in realtà preferisco “Molti anche se poco buoni”, perché questi incontri devono servire ad amalgamare sempre più il gruppo, diffondere le conoscenze del D.M., far sì che ogni ognuno apporti ogni suo tipo di conoscenza ed esperienza positiva o negativa nel gruppo, rendere il linguaggio alla portata di tutti, nel rispetto del nostro hobby e delle conoscenze di ognuno di noi. Ma come sopra detto, adeguiamoci al “pochi ma buoni” per meglio consolarci e dare una motivazione alla nostra presenza in Reggio Emilia. Volendo esprimere il mio parere devo constatare che quella riunione è stata una delle poche che ho apprezzato, è stato un incontro in cui l’argomento comune era il Diamante Mandarino, nei suoi vari aspetti Tecnici relativamente all’Allevamento, alla Selezione, alla Esposizione.

Non poteva essere altrimenti, perché le presenze di Piccinini, di Eusebi, di Brutti, di Defilippi, di Angelini, non potevano essere che delle presenze oltre che di figure ben preparate, di grandi “argomentatori positivi e di grande effetto” per il mondo del D.M..

Per quelli che hanno perso questa occasione, dico a loro di essere presenti nel futuro alle riunioni del Club, per quelli che erano presenti è stato un momento particolarmente stimolante e degno di essere stato vissuto con la loro presenza. Personalmente mi sento di ringraziare in modo particolare il Socio Massimo Eusebi per essere stato come sempre presente dopo il triste periodo che ha interessato le sue condizioni di salute di recente e per essere stato come al solito l’elemento di stimolo per tantissime particolarità che dovrebbero interessare nei suoi molteplici aspetti il D.M.. Grazie Massimo per tutto! Stefano Angelini ha ha come sempre sintetizzato con esempi pratici e con grande precisione e chiarezza molti punti discussi; Manuele Piccinini ha ricoperto con la solita serenità e moderazione il suo ruolo “raccordo” fra gli argomenti in discussione e la posizione dei Regolamenti con quella dei Soci. Dovrei proseguire ricordando ognuno dei presenti, ma ognuno di noi è stato presente e attivo durante le varie argomentazioni, che volta per volta si presentavano, incrementando e favorendo lo sviluppo del  D.M..

Come si evince da questo breve sunto della giornata, siamo stati tutti presenti ed attivi, spero che qualcuno dei Dirigenti del Club faccia una relazione più tecnica e dettagliata della giornata. Io mi sento di chiedere ai nostri Dirigenti di concretizzare in modo più incisivo le esigenze presenti all'interno del Club, di prendere quelle iniziative pratiche da molti richieste e che possano solo portare al Club più prestigio e concretezza pratica. Come al solito non mi esimo dal formulare le mie proposte, le mie idee, con la speranza di contribuire al nostro futuro associativo:

-al primo punto vorrei mettere la richiesta di costituire una Commissione di lavoro con il fine di valutare e affrontare i vari aspetti TECNICI che vengono sollevati da diversi Allevatori; il fine deve essere propositivo.

– al secondo punto, se si arriverà alla determinazione di prendere delle iniziative, occorre pensare alla loro diffusione e allora credo sia giunto il momento di istituire e diffondere un “NOTIZIARIO TECNICO” da inserire periodicamente nel nostro Sito, con una periodicità almeno bimensile.

– sfruttare la periodicità di alcune Mostre, quali Reggio Emilia, Faenza e anche altre zone nel territorio italiano per fare degli incontri (non scontri) con i nostri nuovo Dirigenti (CTN-IEI) e in particolare con i Giudici IEI del posto, per favorire una scambio nel merito TECNICO-ESPOSITIVO del D.M., in particolare affrontando quei punti di controversia di cui in Reggio Emilia si è parlato e discusso con grande interesse.

Per coloro che erano presenti in R.E., rivolgo un invito a tenere presente alcuni dei tanti dubbi sollevati da Massimo Eusebi nel commentare diverse foto prese a campione dal libro DE Zebravinken di Berend Bosch e altri, di cui io ne condivido pienamente le affermazioni, ma che mi sento di porre delle motivazioni la cui natura e "morigerazione" devono dipendere dalla parte con cui si vedono questi “fenomeni”. Io dico che se si è Giudici, si devono rispettare (giustamente) le disposizioni emanate dalla Federazione; se si è Allevatori si vedono le cose con una prospettiva più realistica e libera in parte dagli schemi dettati dalla CTN. Credo che questi due modi di vedere un soggetto debba essere affrontato da entrambe le parti ed addivenire ad una pratica e efficace soluzione. Io sono d’accordo con la seconda visione del problema in quanto questa scelta è più pratica e confacente con la realtà, ma sono anche convinto che non collima e non si attiene con le disposizioni a cui i Giudici sono tenuti ad ottenersi. E questo è un punto ed un modo che merita e deve essere affrontato dal Club e dal Collegio IEI.

Terenzo Forgani

 

Le categorie dei diamanti Mandarini alle Mostre Internazionali (a  cura di Manuele Piccinini)

 

 

Sempre un sincero ringraziamento alla SOR di Reggio per la concessione dei locali