Gallerie Fotografiche

ITALIAZEBRAVINKENFORUM.IT
Benvenuto/a, Ospite
Prego Accedi o Registrati.    Password dimenticata?
Re:Commenti del dopo mostra (1 in linea) (1) Ospite
Vai alla fine pagina Preferiti: 0
Discussione: Re:Commenti del dopo mostra
#10545
Enea (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 1172
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 11  
Non volevo andare sullo specifico, ma dato che Massimo ha citato la mutazione diluito o pastello a me molto cara, sento di dover intervenire in merito.

Non conosco nello specifico gli standard austriaci e tedeschi che da quanto dice Massimo pretendono dei soggetti diluiti più scuri di altri standard europei, ma il giudice austriaco che ha giudicato a Zebras l'anno scorso non era in grado di distinguere un grigio diluito da un grigio dch diluito.
Dico questo perché la domenica ho avuto modo di parlare con lui e per giunta vendergli diversi miei soggetti gr. dch diluiti.
Come molti di voi sanno la selezione di queste due varietà sono una l'antipode dell'altra, la selezione del gr. dch diluito mira alla massima ossidazione dei disegni eumelanici, mentre la selezione del grigio diluito mira ad un appiattimento e diluizione uniforme del colore dei disegni quindi la ricerca di sempre meno ossidazione nei soggetti.

Indipendentemente dallo standard un giudice che non sappia distinguere le due specie a mio parere non si può definire un giudice specialista di d. mandarino.
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10550
admin (Amministratore)
Admin
Messaggi: 73
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 10  
pide ha scritto:
Siamo alle solite: ..........
......Ho preso spunto (mi è scattata la molla) per scrivere queste quattro righe dall'articolo pubblicato sulla rivista FOI www.foi.it/rivista/2011/NOVEMBRE%202011/Standard%20Gloster.pdf .......... e mi interesserebbe avere un parere, questa volta, anche da Manuele e Terenzo ai quali girerò questo intervento ....
Pierpaolo


RISPOSTA AL QUESITO DI PIERPAOLO DEFILIPPI
Con la mia persona rivolgendomi un simile quesito, sfondate una porta non aperta, ma bensì completamente priva di “battenti”. Sono circa 30 anni che scrivo su giudizi e Standard, in quanto sono per scelta un integralista rispettoso delle disposizioni vigenti nell’ambiente in cui mi muovo, ciò non toglie che mi sia abrogato il diritto di critica o di richiesta di eventuali modifiche alle stesse. Però fin tanto che non avremo una revoca o un cambiamento, ritengo che occorra restare per la parte pratica, all’interno di quei principi. Esiste un fondamentale contrasto con quanto si deve in pratica applicare ad esempio all’Internazionale di R.E., o a Faenza inerente al giudizio. Partendo dal punto di vista che lo Standard è quella delibera che deve essere rispettata dai Giudici, i quali devono estrapolare da ciò i criteri di valutazione relativi al tipo di COLORE che la mutazione deve manifestare, la sua estensione nelle varie componenti del piumaggio, può essere un fattore discutibile la tonalità in quanto è l’elemento più personalistico che un Giudice può possedere in varie sue sfumature, strettamente legate alla qualità della vista che possiede, alla sensibilità nell’apprezzare i vari cromatismi, elementi strettamente legati alla decisione soggettiva che una persona riesce ad esprimere, diversamente a tante altre. Nel merito dei DISEGNI specificatamente alla sua giusta espressione della qualità del colore che deve esprimere, alla sua espansione laddove ne è richiesta la presenza, nella sua regolarità simmetrica come previsto dallo Standard. Nella FORMA e TAGLIA in cui la sagoma delineata e riportata in ogni testo di D.M., riproduce fedelmente le linee e le curve esterne che formano il profilo e dove la base che deve determinare questa figura è l’ampiezza totale del soggetto: vale a dire 10,5 cm. Al PIUMAGGIO che deve essere corrispondente alla completezza delle piume e penne che costituiscono l’insieme del soggetto allo stato naturale ed ottimale, pertanto eventuali mancanze devono essere tenute in considerazione nel giudizio, fino a determinare il N.G. (non giudicabile), qualora questa mancanza sia ritenuta “notevole”.Infine dalle considerazioni scaturite nell’esaminare le precedenti caratteristiche fenotipiche,alla voce
CONDIZIONI GENERALI occorre tenere in giusta considerazione la nota che si ricava: se è negativa la percentuale da detrarre deve essere considerevole, se positiva nell’insieme, deve essere minima,anche meno zero.
Queste in linea di massima sono le considerazioni circa i contenuti di un giudizio.

Ma voi giustamente dite : in merito a quali delibere o regole in vigore sono tenuti ad operare i Giudici, io aggiungo tali regole sono quelle deliberate in Italia o nella Nazione a cui appartengono e cosa applica un Giudice che si trova ad operare in un'altra Nazione, non di sua appartenenza. E questo è veramente un problema di incerta soluzione al momento, ma che deve essere affrontato per cui il criterio di giudizio che è tutelato e fatto salvo dal principio che gli Standard sono quelle disposizioni che descrivono l’essere di un D.M. nella sua Mutazione posseduta, derivati da una delibera formulata e approvata dalla CTN-IEI e successivamente ratificata dal C.D.F. della FOI. Per cui nelle Mostre in Italia organizzate sotto l’egida della FOI, i criteri di giudizio devono essere quelli approvati dalla FOI. Ma attenzione se quella Mostra è R.Emilia di settembre o Faenza, i nostri D.M. vengono giudicati prevalentemente da Giudici Esteri, i quali sono abituati ad applicare degli Standard in vigore nel loro Paese e deliberati dalla loro Federazione, quindi non proprio in sintonia per diversi punti. Se invece prendiamo in considerazione l’internazionale di R. Emilia constatiamo che i D.M. vengono giudicati da Giudici italiani e da alcuni esteri a volte appartenenti a Federazioni diverse, quindi una parte di queste regole sono da loro recepite in diversi modi per vari punti. Se prendiamo quanto avviene in un C.d.Mondo potremmo verificare che il giudizio dei D.M. può essere eseguito da Giudici di più nazionalità. Anche in questo caso con una sovrapposizione di regole e delibere a volte in contrasto fra di loro. Per inciso occorre ricordare che il giudizio può essere assegnato ad un Giudice O.M.J. notoriamente esperto di altre specie ESOTICHE che nulla hanno a che vedere con il D.M., magari non ne hanno mai posseduto nemmeno uno nel loro allevamento, ma questa è un’altra storia fra le tante che andrebbero chiarite nell’O.M.J. Il primo punto che intendo mettere in evidenza è che, in tutte queste Mostre citate la prevalenza dei Giudici che opera in merito al D.M. appartiene a Federazioni estere ed io come ripetutamente ho avuto modo di scrivere non condivido questa scelta che impoverisce il nostro patrimonio Giudici, viste le dissonanze riscontrate proprio di recente nelle nostre Specialistiche del D.M.. Il secondo punto è che gli allevatori italiani non solo non apprenderanno nulla di particolarmente positivo, per la contestata applicazione di uno Standard che può variare da Giudice a Giudice, per la loro diversa appartenenza a mondi diversi (Federazioni). Come si evince abbastanza chiaramente il criterio di giudizio adottato è una variante legata al personaggio Giudice. Questo criterio di conduzione nei giudizi deve essere rivisto, deve essere concordato con quegli enti che dovrebbero dirigere e quindi uniformare le scelte tecniche che danno il giusto riscontro al giudizio. Allora la prima cosa da chiedersi è: quali sono (se esistono) le differenze fra lo Standard pubblicato in Italia e i vari Standard in uso nelle principali Nazioni Europee. Su questo punto vorrei che rispondesse Manuele, nella sua duplice veste di componente della CTN-IEI e di Giudice O.M.J.. Io chiedo solo, se un Giudice olandese o belga viene a giudicare all’internazionale di R.Emilia o in Faenza qual è il suo riferimento all’atto del giudizio, se va ad un C.d.M. ad esempio in Germania sarà sempre lo stesso. Questo lo chiedo per avere una conferma sulla validità dei nostri Standard in uso in Italia e per i suoi contenuti e indirizzi di cui i nostri Soci seguendo quelle indicazioni tecniche hanno impostato la loro linea di allevamento, il raggiungimento del loro lavoro è mirato ad ottenere dei soggetti il più possibile prossimi a quanto gli Standard esplicano. E questo è un punto che noi come Club e penso pure la CTN-IEI dobbiamo difendere, semplicemente perché difenderemo così il lavoro dei nostri Soci e dimostriamo di credere nella validità TECNICA dei nostri Standard (io sono perfettamente convinto di questa validità) La O.M.J. per quanto mi riguarda edita un opuscolo “ La nouvelle COM” che dovrebbe essere inviato alla FOI e all’Ordine dei Giudici della stessa, per essere poi notificato quale aggiornamento a tutti i Giudici OMJ. Io ho appartenuto all’OMJ per un ventennio ed non ho mai ricevuto alcuno di questi opuscoli. Per evitare che ognuno adotti il suo modello di riferimento, occorre semplicemente che questo riferimento sia formulato e approvato all’interno dell’OMJ e diramato a tutte le federazioni Organo internazionale dove la FOI credo sia rappresentata da TRE consiglieri. Una volta fatto ciò tutti i Giudici si devono attenere strettamente allo Standard, ovunque essi si trovino ad operare. Quindi il modo per sapere ciò che eventualmente avrebbe deliberato l’OMJ, non dovrebbe essere un problema oggi giorno vista la presenza di ben tre consiglieri nell’OMJ e ancor più facile dovrebbe essere visto che addirittura la Presidenza della COM è in mano ad un italiano, tra l’altro anche Presidente della FOI. Ma io come da tempo penso e dico, a molti nostri Dirigenti IMPORTA POCO O NULLA NEL MERITO TECNICO-ESPOSITIVO. Secondo il mio modo di vedere ed intendere la cosa, il criterio di giudizio è direttamente e strettamente legato allo Standard.. Determinare la regola che possa imporre ai Giudici quando e come applicare un meno due o un meno tre, credo sia una regola che deve dipendere da troppe varianti, dal singolo individuo. Porre un rimedio a tutta questa problematica è oramai una necessità improcrastinabile, una necessità del momento per cercare di dimenticare le diatribe e le perplessità del nostro passato. Inoltre vi è un aspetto alquanto pesante nel mondo delle Mostre, il voler imporre il proprio modello di riferimento da parte dei grandi Allevatori che sfornano un prodotto in grandi quantità e dalle caratteristiche proprie e tipiche derivanti dalla loro personale selezione fatta nel proprio allevamento. Questo si è più volte visto nei canarini di colore, negli Inglesi, negli Arricciati e via discorrendo. Anche il nostro D.M. ha subito questa “influenza”, non voglio dire se a ragion veduta o a torto, perché su questa ipotesi deve esprimersi la CTN-IEI .

Nella fattispecie guardare le varie tipologie scelte nella esposizione ove un Mascherato può manifestarsi con un dorso bianco o più colorato di crema, così dicasi pure per il Feomelanico o la zona pettorale di un petto Nero che può assumere una ampiezza alquanto varia e quasi mai completa fin sotto il mento. E’ chiaro che ognuno espone ciò che ha ottenuto in allevamento, la miglior tipologia deve essere determinata poi dal giudizio, che non vede al momento l’Allevatore ma il singolo soggetto. Lo scritto pubblicato su I.O. n° 11 di Novembre porta la firma di un personaggio che ho stimato ed apprezzato all’interno della FOI, persona seria e riflessiva (che saluto con tanta cordialità) che inizia il suo scritto con la chiave di volta del nostro dubbio. GASTONE MASINI cita: “ Una normativa della COM prevede che ogni Paese affiliato adotti e rispetti lo Standard di perfezione in vigore nel Paese dov’è stata creata ogni singola razza”. Prosegue con :” Questa norma in Italia è stata (ed è tuttora) in parte disattesa.”. Se esiste una normativa di quel tipo significa che da parte della COM esisteva e credo esista tuttora, la precisa intenzione di dettare a tutte le Nazioni ad essa aderente delle precise disposizioni. Il Giudice OMJ Gastone Masini è molto esplicito e persuasivo nelle sue giuste valutazioni, tanto è vero che ad un certo punto dello scritto scrive :” La Taglia venne ridotta e portata a cm 11 per uniformarla a quella dello Standard ufficiale della COM”. Allora è vero che esistono gli Standard COM. Ma come già detto il Presidente della COM non è un italiano?. Perché il nostro Consiglio Direttivo del Club Zebravinken non rivolge a lui questa domanda e si assicuri però che ne consegua una risposta in merito, perché il dimenticatoio della FOI è molto ampio e capiente e non per sentito dire. Invito comunque tutti i nostri Soci a leggere l’articolo dell’amico Gastone Masini,
- www.foi.it/rivista/2011/NOVEMBRE%202011/Standard%20Gloster.pdf - per la precisione nel merito sollevato anche nel nostro sito. A titolo personale desidero rimarcare un particolare passaggio dello scritto : “ Infine mi pare utile ricordare che il modello di perfezione nei CFPL, disegno e altro, deve necessariamente essere prodotto seguendo in maniera scrupolosa le indicazioni dello Standard descrittivo. Questo vale anche per la Taglia, in quanto si tratta di un vero e proprio IDENTIKIT”. Bravo Gastone mi rincuori e mi fai riconsiderare che i miei scritti non erano una espressione personale, ma una richiesta del rispetto di diversi elementi tecnici.
Forgani Terenzo
 
Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 29/11/2011 21:55 Da admin.
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10551
massimoeusebi (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 4797
graph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 40  
Rimanendo strettamente sul discorso standard,continuo a chiedermi il perchè esistono ad esempio enormi differenze tra un bruno dorsoo chiaro "diciamo classico" con un bruno dorso chiaro ad "oochi rossi".
Ho volutamente scritto occhi rossi tra virgolette in quanto in Italia non vengono riconosciuti!

Perchè non vengono riconosciuti? Forse non si sono mai visti?
Qual'è il loro standard?

In questo caso la differenza tra un bruno dorso chiaro e un bruno dorso chiaro a occhi rossi è ENORME!
Il colore mediamente più freddo del primo stona (perchè non in standard) con il colore meno carico del secondo.

Sbaglio oppure una mutazione a base bruno DEVE AVERE UN COLORE CALDO?
Quanto ci sarebbe da scrivere su questo tema,mamma mia!

La mia intenzione è quella di poter parlare la stessa lingua in materia di mandarini,far chiarezza,discutere senza sotterfugi e senza tramare tresche.

Gli allevatori devono conoscere al pari dei giudici,non ci devono essere dubbi da nessuna parte.
Mi pare invece il contrario!
 
Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 29/11/2011 22:24 Da massimoeusebi.
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10558
massimoeusebi (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 4797
graph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 40  
Molto bello e toccante l'articolo di Terenzo.

Grazie Terenzo per partecipare sul forum.
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10578
falco (Utente)
Fresh Boarder
Messaggi: 1
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 0  
Cari amici, allego file di testo con mie considerazioni nel merito.
Un saluto a tutti.

Terenzo.
File Allegato:
Nome del File: FORUM_Club_Zebravinken.doc
Dimensione del File: 25600
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10580
massimoeusebi (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 4797
graph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 40  
Grazie falco per quanto hai scritto.
Forse dovremmo chiamarti "falco pellegrino"......Le sue picchiate superano i 300 Km/h !!!
Come sempre sei preparato,sincero e aperto ad ogni discussione.


E' il club con i suoi allevatori tutti che dovrebbe essere il vero sovrano di ogni proprio show!
Sono i soci di un club che devono prendere le decisioni e non altri!
Per chi vuol capire........
 
Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 03/12/2011 21:27 Da massimoeusebi.
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10584
Enea (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 1172
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 11  
Risposta all'intervento di Terenzio.

Credo che non servano delle foto per fare commenti, fra l'altro ci conosciamo tutti e dopo 3-4 mostre conosciamo i soggetti migliori di ognuno di noi, persino quelli dell'anno precedente, tanto che quando uno di noi non porta quel suo bel soggetto gli chiediamo... ma perché non l'hai portato.

Ecco perché io mi sono astenuto nel commentare questo o quel giudizio, nel timore di offendere qualche amico, credo che questo forum non sia la sede adatta, parlo per esperienza personale.

A mio parere la questione è molto più semplice, i giudici che hanno operato in tale mostra si sono mostrati impreparati ed hanno mostrato molte lacune, quindi la mostra seppur specialistica ha assunto le sembianze della solita mostra con i soliti errori banali.

Ritornando ad discorso di Massimo io ho visto degli ERRORI BESTIALI
anche in altre mutazioni tipo i Diluiti una mutazione che io amo molto.
 
Loggato Loggato  
 
Ultima Modifica: 05/12/2011 12:33 Da Enea.
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10591
marcoinzadi (Utente)
Senior Boarder
Messaggi: 53
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 3  
ciao enea......quali sono gli errori bestiali avuti nei diluiti?
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10599
Enea (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 1172
graphgraph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 11  
Ciao Marco era un pezzo che non intervenivi sul forum.

BEN TORNATO

Rispondo alla tua domanda:
Il grigio dorso chiaro diluito che ha vinto a Reggio aveva le guance color crema e non bianche, quindi a mio avviso fuori standard.

Sinceramente non sò se quel soggetto fosse tuo, non avevo il catalogo, spero comunque che il proprietario non si offenda, queste nostre discussioni sono e devono essere solo costruttive, ma se c'è uno standard è bene che i giudici lo rispettino.

Fra l'altro anche tu sei un esperto conoscitore della mutazione diluito, per di più li allevi da anni con successo anche nelle basi bruno e grigio, quindi in queste due ultime basi citate sicuramente più esperto di me. Sarebbe interessante sapere anche la tua opinione riguardo al giudizio di Reggio.
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
#10601
massimoeusebi (Utente)
Platinum Boarder
Messaggi: 4797
graph
Utente non in linea Clicca qui per vedere il profilo di questo utente
Re:Commenti del dopo mostra 7 anni, 7 mesi fa Karma: 40  
Scusate l'intromissione.........Sono i verdetti degli allevatori che contano molto!
 
Loggato Loggato  
  Per scrivere in questo Forum è necessario registrarsi come utenti di questo sito.
Vai all´inizio della pagina